hr-mvula

banner-home-crdl

La physical dance è il cuore della compagnia Mvula Sungani, con sede a Roma, in Italia. Uno stile elaborato dal suo fondatore in anni di esperienza e ricerca riconosciuto a livello internazionale da importanti istituzioni come la Shkolla e Baletit (Accademia Nazionale Vaganova Albanese) e l’ASI Ente di Promozione del CONI.

A differenza del physical dance theatre, miscellanea di generi ed artisti (mimi, attori, performers, danzatori, ecc), la physical dance è peculiare di danzatori che partono da una solida base tecnico-accademica e la completano con un importante preparazione fisico-atletica.

La filosofia del linguaggio espressivo del coreografo italo-africano è il corpo, inteso come danza, unita all’esaltazione ed alla bellezza del fisico. La drammaturgia, le suggestioni, i tableaux vivants, le costruzioni visive, sono tutte basate sul corpo e la fisicità senza l’ausilio di strutture, appendimenti e supporti.

La prima fase della ricerca di Mvula Sungani ha favorito la nascita del modern black, fusione della tecnica classica con quella moderna (Horton, Limon), contaminata con la contact improvvisation e la danza etnica.

Dopo aver consolidato lo stile black ed averlo trasformato in una tecnica, il coreografo italo africano ha proseguito la sua ricerca unendo il risultato del suo percorso sperimentale e creativo con le tecniche circensi (acrobalance, acrobatico, ecc), la ginnastica (artistica e ritmica) ed il karate (wado-riu), generando la sua physical dance.

Il passo a due, in ogni sua forma, è il fiore all’occhiello dello stile.

La nuova danza asseconda le leggi naturali della fisica, conferendo al movimento fluidità, spettacolarità, plasticità e spiritualità. Le trame coreografiche perdono ogni momento di fatica, facendo apparire gli interpreti intrappolati nella morbidezza di un moto perpetuo. La teatralità e la partecipazione emotiva degli interpreti conferiscono al nuovo stile grande pathos.